Flickr - wellness gym
L'androide si intende quel genere di corporatura dove le grosse circonferenze le abbiamo nella zona addominale mentre le zone di fianchi e glutei sono meno marcate. Se inveve queste si rilevano nelle zone glutei / fianchi allora ecco il genoide

Nella determinazione dei somatotipi corporei abbiamo essenzialmente due generi: andoride e genoide. Essendo un personal trainer nonchè un istruttore di sala pesi mi capita spessissimo di rilevare queste configurazioni e di dover dare ai clienti spiegazioni piu' dettagliate su cosa significhi adndroide e genoide e quello che ne e' correlato dopo l'individuazione. Oltre al biotipo morfologico che comunque e' correlato al somatotipo, riusciamo tramite un rapporto tra vita e fianchi del soggetto a stabilire il somatotipo.
Negli uomini se il risultato del rapporto e':

  • > 0,91 allora si tratta di un androgeno.
  • < o,91 allora abbiamo di fronte un genoide.

Nella donna invece se il rapporto da come risultato:

  • > 0,81 e' androgeno
  • < 0,81 allora e' una genoide

Parlando un po' meno con un linguaggio tecnico potremmo vedere che per androide si intende quel genere di corporatura dove le grosse circonferenze le abbiamo nella zona addominale (tipo una mela) mentre le zone di fianchi e glutei sono meno marcate.

Se inveve le grosse circonferenze si rilevano nelle zone glutei/fianchi be' allora la classica configurazione ( a pera ) determina appunto il o la genoide.
L'individuazione con la plicometria inoltra si rileva piuttosto facilmente, infatti se le pliche di repere preponderanti si rilevano maggiormente nelle zone addominale abbiamo la quasi certezza di avere d'innanzi un Androgeno mentre se si rilevano nella zona fianchi allora sara' quasi certamente un genoide.

In che cosa si differenziano?
In realta' questo articolo diverrebbe troppo lungo se trattassi a fondo tutto l'argomento, quindi mi limitero' a sentitizzarlo il piu' possibile mantenendo ovviamente consistenza. Una prima differenza si ha dal punto di vista psicologico, il Genoide pensa poco, non e' molto responsabile, e' un po' menefreghista e spesso e' anche pigro, quindi produce poco cortisolo ( ormone dello stress - catabolizzante e iperglicemizzante ), non si deprime facilmente pero' sara' diffcile stimolargli la voglia di allenarsi in quanto come dicevamo prima e' pigro/a e spesso poco determinato/a.

L'androgeno invece e' un pensatore, si stressa molto, tende a sovracaricarsi di responsabiita' e poi ce ne sta' male, e' un grande produttore di cortisolo quindi ingrassa molto nella zona addominale, e' inoltre volenteroso ed affidabile.

Il genoide inoltre non gode di una buona circolazione sanguingna, le donne genoidi infatti spesso soffrono di cellulite e vene varicose ma raramente hanno problemi cardiaci. L'androgeno invece e' piu' incline a soffrire di cardiopatie maggiormente se soggetto maschio e in genere possono andare dalle piu' lievi e a volte alle piu' serie.La donna genoide spesso presenta la safena quasi occlusa per via di posture non ottimali ( in genere iper-lordosi ) e per questo oltre al microcircolo non eccellente presenta spesso difficolta' intestinali. L'Androide invece e' ansioso e spesso e' idrofobico.

Dal punto di vista alimentare il soggetto androgeno vanta un'attrazione maggiore verso le proteine animali mentre il soggetto genoide si ciba prevalentemente di zuccheri, e' quasi maniacale il dolcetto nei vari momenti della giornata. Ricordiamo in particolare che i soggetti genoidi sono para-simpaticotonici quindi consumano poche calorie e tendono percio' ad ingrassare con facilita'.
Ecco una proposta di alimentazione tipo per le due categorie:

proposta consigliata soggetto androgeno:

  • colazione: latte o yogurt + fette biscottate con miele e burro se dovra' eseguire attivita' fisica in mattinata.
  • se invece non fara' attivita' fisica allora meglio della frutta.
  • meta'mattina: della frutta secca ( tipo mandorle, nocciole, noci ecc. )
  • pranzo: base proteica, pesce ok ma anche carne meglio bianca, + verdura a volonta' + olio d'oliva extra vergine ed una porzione piccola di mais, se poi si e' allenato o si dovra' allenare nel pomeriggio allora sarebbe buona norma assumere un po' di pane + frutta.
  • meta' pomeriggio: panino con bresaola
  • cena: se si e' allenato allora 120/150g. di pasta o riso e 150 grammi di carne o formaggi o verdure + frutta.
  • tarda sera: 1 bicchiere di latte scremato + miele.
  • integrazione post-allenamento:
    - whey protein
    - 5 grammi destrosio o fruttosio
    - 3 g. creatina
    - 3 g. glutammina
    - yogurt x tamponare l'acidosi (nb)
    - 600 mg. di potassio x la sintesi proteica

proposta consigliata soggetto genoide:

  • colazione: molti zuccheri sempre alla mattina perche' i genoidi si cibano prevalentemente di zuccheri quindi va' bene un succo di frutta + fette biscottate con marmellata meglio se light.
  • meta' mattina: frutta
  • pranzo: pasta e fagioli ideale + verdura + olio
  • meta' pomeriggio: yogurt + frutta
  • cena: proteine animali + frutta e verdura
  • tarda serata: ramificati o caseina

Dal punto di vista dell'allenamento e' bene ricordare che il genoide tende ad essere iper-lordotica pertanto avra' una postura con il bacino in anteroversione, quindi con la concavita' lombare piu' accentuata del normale, questo comporta intestino e viscere all'infuori, vene maggiori tipo la safena sara' leggermente tendente all'occlusione, questo comportera' oltre ad un pessimo microcircolo, anche una irregolarita' intestinale. consigliato quindi ai genoidi lunghe camminate o il tapis roulant leggero ma di lunga durata, da evitare balzi, pliometria, squat e quant'altro possa interferire con la circolazione.
in definitiva allenamenti aerobici a bassa intensita' sono l'ideale, e se si vuole allenare il soggetto con i pesi allora farlo con moderazione e adoperando ovviamente i giusti esercizi tenendo conto delle caratteristiche fisiche dell'individuo.

I soggetti androgeni invece sono piu' adatti ad un allenamento di tipo muscolare e meno aerobico anche se troverebbero benefici indiscussi con l'attivita' aerobica, io direi che il connubio tra le due attivita' possa rappresentare il giusto mix. gli androgeni sono produttori di cortisolo e spesso di ormoni tiroidei quindi sarebbe l'ideale modulare l'attivita' fisica cercando di non incrementare questa sovraproduzione spesso deleteria per loro.

concludo questo breve articolo fornendovi un a proposta di allenamento a circuito:
soggetto androgeno:

  • riscaldamento 5'
  • crunch: 3 x 15 r.30"
  • hyperestension: 3 x 15 r. 30"
  • panca piana: 3 x 12 r.1'
  • panca inclinata: 2 x 20 r.1'
  • lateral machine: 3 x 15 r.1'
  • pulley basso: 2 x 20 r.1'
  • leg press: 3 x 15 r.1'
  • ciclette: 5'
  • polpacci: 3 x 20 r.1'
  • bicipiti: 3 x 15 r.1'
  • tricipiti: 3 x15 r.1'
  • deltoidi laterali: 3 x 15 r.1'
  • tapis roulant: 10' (70/75% fcmax)

ed uno per soggetto genoide:

  • tapis roulant leggero: 20' (65/70% fcmax)
  • stepper: 2'
  • crunch#1: 2 x 15 r.30"
  • crunch#2: 2 x 12 r. 35"
  • good morning: 3 x 15 r.40"
  • glutei a corpo liebro#1: 3 x 20 r. 30"
  • glutei a corpo libero#2: 3 x 20 r. 30"
  • tapis roulant: 8' (65/70% fcmax)
  • lateral machine: 3 x 15 r.30"
  • rowing: 3 x 15 r.40"
  • bicipiti: 3 x 15 r.30"
  • stepper: 2'
  • tapis roulant: 15' (65/70% fcmax)


Personal Trainer Professionista, preparatore e massaggiatore
infonull@nullpersonaltrainer-online.it
   sito web di riferimento


Lascia il tuo commento