Flickr - gym weight
Titolo originale: Low Carb: The Studies Speak for Themselves
Autore: By John Walker, M.D. Gastroenterologist

Uno dei primi obbiettivi delle News Letter è quello di educare ed informare: io vorrei che voi sapeste qualcosa in ordine ad alcune informazioni che si sono rese disponibili e che hanno un effetto sulla vostra salute, specilamente quando parliamo di riduzione del peso.

Recentemente, due studi, pubblicati nella prestigiosa rivista scientifica Annals of Internal Medicine, supportano l'approccio alla riduzione del peso attraverso le diete a basso apporto di carboidrati. Questi due studi confermano quello che moliti sanno per esperienza personale o per esperienza indiretta, e cioè che le Diete Low Carb, rappresentano una opzione sicuramente praticabile e scientificamente corretta per affrontare la perdita di peso.

I risultati ottenuti dalla Dott.ssa Linda Stern's al Philadelphia Veteran's Administration Hospital sono decisamente interessanti: il gruppo sottoposto a dieta Low Carb, perse fra le 11 e le 18 libbre (fra circa 5 e 8 kg) e l'altro gruppo perse mediamente fra le 7 e le 18 libbre ( fra 3 e8 kg) dopo un periodo di dieta di 6 mesi. Interessante fu il fatto che chi seguiva la dieta Low Carb, perse il proprio peso nei primi sei mesi, rimanedo poi allo stesso livello di peso, senza riprendere il peso perso.

Lo studio dimostrò inoltre che vi furono altri utili benefici in coloro che seguivano la dieta Low Carb. I benefici riscontrati ad esempio sul profilo lipidico del sangue (miglioramento del colestero buono HDL , riduzione di quello cattivo LDL e dei Trigliceridi) permasero per un intero anno e furono piu' significativi rispetto a quelli ottenuti nella dieta tradizionale.

In un secondo studio condotto da un gruppo di ricercarori alla Duke University, 120 pazienti furono messi a dieta seguendo un approccio tradizionale (diete a basso tenore di grassi) e uno low carb (basso tenore di carboidrati) per sei mesi. Dopo sei mesi, i pazienti che seguivano la dieta Low Carb, persero una media di 26.4 libbre (pari a circa 13 kg), mentre i pazienti che seguivano una dieta tradizionale persero mediamente 14.3 libbre (circa 7 kg). Come si era visto anche nel precedente studio, il profilo lipidico dei pazienti in Low Carb risultò migliorato rispetto all'altro gruppo.

L'utilizzo delle fibre nelle diete Low Carb quali la Walker Diet o la Atkin's Diet, porta poi ad altri benefici sul sistema cardiovascolare oltre che sul profilo lipidico. Infatti le fibre non sono solo importaqnti per una corretta digestione, ma anche per il sistema cardiovascolare. Uno studio pubblicato nel numero di Maggio del Journal of Nutrition, indica che un adeguato consumo di fibre, diminuisce il livello di Proteina C-Reattiva, un marcatore che segnala lo sviluppo di malattie cardiovascolari.

Sicuramente avete letto diverse opinioni sulle diete low Carb, molte delle quali sono negative, e questo fa parte dell'informazione e soprattutto dell'influenza delle lobbi di interesse che ruotano attorno all'industia dei cereali e dello zucchero (con tutto quello che ne è connesso). Ma quando analizzate la preponderanza di evidenze e prove scientifiche disponibili, diventa chiaro che l'approccio Low Carb è un modo importante, praticabile e sano di risolvere il problema del sovrappeso.

Se poi considerate che negli ultimi 30 anni, nonostante la filosofia alimentare legata alle diete a basso apporto lipidico e ad alto tenore di carboidrati (ricordate tutti la furiosa guerra che venne fatta ai grassi di qualunque tipo), sponsorizzato dal governo e dalla medicina "ufficiale", si sia arrivati ad una incidenza dell'obesità spaventosa, di un "epidemia" di diabete e malattie cardiovascolari in continuo aumento, allora questi dati devono farci riflettere.

Ritengo che sia utile ricordare come siamo arrivati a questo punto. Nella prima parte del XX secolo, la maggior parte degli alimenti era fatta in casa, partendo da cibi e grano interi e non lavorati artificialmente. Il consumo di verdura fresca e frutta era maggiore. I condimenti arricchiti di zuccheri non erano molto usati, non esistevano pressochè bibite gassate ed i dessert erano un lusso per pochi.

Zuccheri ad alto indice glicemico ed alimenti ricchi di sodio come quelli dei fast food, non erano ancora stati inventati. Se aggiungiamo che l'attività fisica era maggiore, avrete un quadro abbastanza chiaro della situazione.

Mano a mano che il progresso avanzava, sempre meno cibi erano fatti in casa; i cibi divennero sempre piu' processati, venne usato sempre di piu' lo zucchero nei condimenti e fecero la loro comparsa le bibite dolci e gassate che presero il posto dell'acqua.
Questo condusse l'umanità dei paesi ricchi verso due fattori dannosi per l'organismo umano; troppi alimenti raffinati, specialmente zuccheri semplici e troppi grassi saturi.

Le diete Low Carb come la Atkin's Diet o la Walker Diet, utilizzano un approccio tale da incoraggiare 'utilizzo di piu' grassi insaturi quali gli omega 3, un maggior apporto di fibre, attraverso il consumo di verdura ed il controllo dell'apporto di carboidrati, con un maggiore riguardo verso i carboidrati complessi, che determinano il controllo della glicemia. Da notare che anche la Dieta a Zona, che non è una dieta Low Carb, ha come presupposto il controllo della glicemia, ottenuto attraverso l'utilizzo di carboidrati complessi.


Concludendo, se avete un problema di peso e siete interessati ad un approccio diverso al problema, allora le diete Low Carb rappresentano sicuramente un ottimo punto di partenza per cambiare il vostro stile alimentare ed ottenere ottimi e duraturirisultati.



Linda Stern, Nayyar Iqbal, Prakash Seshadri, Kathryn L. Chicano, Denise A. Daily, Joyce McGrory, Monica Williams, Edward J. Gracely, and Frederick F. Samaha
The Effects of Low-Carbohydrate versus Conventional Weight Loss Diets in Severely Obese Adults: One-Year Follow-up of a Randomized Trial
Ann Intern Med, May 2004; 140: 778 - 785

William S. Yancy, Jr., Maren K. Olsen, John R. Guyton, Ronna P. Bakst, and Eric C. Westman
A Low-Carbohydrate, Ketogenic Diet versus a Low-Fat Diet To Treat Obesity and Hyperlipidemia: A Randomized, Controlled Trial
Ann Intern Med, May 2004; 140: 769 - 777.

Guenther Boden, Karin Sargrad, Carol Homko, Maria Mozzoli, and T. Peter Stein
Effect of a Low-Carbohydrate Diet on Appetite, Blood Glucose Levels, and Insulin Resistance in Obese Patients with Type 2 Diabetes
Ann Intern Med, Mar 2005; 142: 403 - 411.

Effectiveness and Safety of Low-Carbohydrate Diets
Ann Intern Med, May 2004; 140: I-10.


Sei un Personal Trainer? Un preparatore sportivo?
Un nutrizionista/dietologo, o comunque una persona appassionata di fitness?

Perchè non approfitti del nostro palcoscenico e metti on-line qualche articolo sul nostro circuito...GRATUITAMENTE!
Contattaci per maggiori informazioni. Chi ha già scelto la nostra vetrina
infonull@nullwebnutrition.it
   sito web di riferimento


Lascia il tuo commento