Flickr - crossfit
Alcune persone infatti nascono con una capacità innata di controllare il proprio corpo attraverso la mente, altri invece imparano a farlo con grande fatica

Da alcuni anni ormai è  assodato che la mente e il corpo siano strettamente legati uno all’altro.  Alcune persone infatti nascono con una capacità innata di controllare il  proprio corpo attraverso la mente, altri invece imparano a farlo con grande  fatica, altri ancora purtroppo non riescono nemmeno ad immaginare di poterlo  fare.  Che sia comunque scientificamente dimostrabile o meno, la mente può esercitare  sul corpo un potere immenso e tale da poterci permettere di riuscire in  situazioni impossibili, come alleviare i dolori, controllare le emozioni, o  addirittura favorire la guarigione.

A volte però è vero anche il  contrario; molto spesso infatti la mente ci condiziona a tal punto da limitare  le nostre potenzialità ponendoci dei limiti che in realtà saremmo ampiamente in  grado di superare.  Per imparare abilmente il controllo della mente a favore anche del corpo, Il  rilassamento e la visualizzazione sono ottimi alleati da raggiungere per  penetrare nel subconscio e permetterci di realizzare ciò che ci proponiamo di  eseguire.

Trovato successivamente il  perfetto equilibrio e la condizione ottimale tra questi elementi, carichi  nuovamente di energia, si può visualizzare il nuovo obiettivo senza porsi alcun  limite ed impegnarsi per raggiungerlo.  Nel campo sportivo spesso riuscire a portare a termine un allenamento faticoso,  una serie, o l’ultima ripetizione allo stremo delle forze è una grande  conquista che si può cercare di realizzare provando a controllare la propria  volontà eliminando ogni interferenza negativa coma la fatica, la stanchezza, il  carico eccessivo, la tensione, il dolore muscolare e mille altri eventi che ci  circondano, permettendoci cosi di eseguire quell’ultimo sforzo o tentativo in  più mai realizzato prima per la riuscita della nostra nuova performance.

Anche lo stress purtroppo però come altri fattori importanti e spesso  limitanti, potrebbe agire negativamente sulla riuscita del nostro obiettivo.  Infatti un alto indice di stress, oltre che influire negativamente sulle  energie fisiche quindi sulla forza e sulla resistenza, limitando anche la  motivazione, agisce influenzando il paziente lavoro di molti altri organi del  corpo rendendoli potenzialmente meno efficienti.  Le ghiandole surrenali che sono organi decisamente molto importante per  regolare la produzione di diversi ormoni tra i quali il cortisolo, influenzate  da una situazione permanente di stress rilasciano alti livelli di questa  sostanza nel sangue creando uno dei problemi sicuramente più gravi per lo  sportivo, che è la distruzione del tessuto muscolare la gluconeogenesi che  consiste nella demolizione di proteine perestrarne glucosio e rappresenta  l’ultima risorsa del cervello per rifornirsidi energia immediata insituazioni  di emergenza.

 

Il cortisolo causa perdita di forza e massa 

Il cortisolo accelera questo processo, sicché il sistema più rapido per perdere  massa e forza muscolare nel caso specifico dell’attività fisica è proprio  mantenere alti i livelli del cortisolo.   Ci sembra logico quindi cercare comunque e sempre di tenere sotto estremo  controllo ogni situazione di stanchezza fisica e/o mentale anche con il forzato  riposo, imparando a controllarci emotivamente e a prendere ogni eventuale  provvedimento perfavorire un completo recupero riducendo ogni stress.

Nel caso in cui ci si trovasse comunque in difficoltà permanente potrebbe  essere possibile trarre invece grande forza positiva e motivazione anche dalla  momentanea situazione di difficoltà, usando appunto lo stress a favore per  aumentare la motivazione e rafforzarci, riuscendo a portare a termine e a  superare ogni ostacolo momentaneamente insormontabile migliorando anche le  performance.

Rimane comunque possibile pensare che la noia, la stanchezza e l’irritabilità,  che spesso conducono alle cause maggiori dello stato di stress e quindi di  affaticamento generale e svogliatezza (riducendo soprattutto le nostre  potenzialità e le energie), possono essere comunque e sempre abbattute e  combattute.  Con l’aiuto di una mirata educazione mentale infatti, attingendo dalla forza e  dalle potenzialità nascoste che ci può offrire potremo trovare sempre un  approccio positivo e migliore alla vita.

L’equilibrio perfetto che intercorrerà tra mente e corpo, non trascurando mai  il riposo e le potenzialità di una corretta alimentazione, sarà fondamentale  per lo svolgimento di tutte le nostre attività quotidiane, riuscendo ad  applicare anche all’attività fisica ed allo sport in genere, potremo  trasformare qualsiasi momento di vita in energia positiva utilizzabile,  stimolando il corpo attraverso un approccio mentale sempre positivo a percepire  e a produrre comunque buone sensazioni, donandoci nuovi stimoli, tanta carica e  un aspetto generale sempre migliore.

Se riusciremo a comprendere profondamente tutte le nostre potenzialità  acquistando padronanza dei nostri sensi, potremo sfruttare al meglio ogni  energia per favorire attivamente tutte le capacità della mente e del corpo di  reagire ad ogni evento, riuscendo sempre e con facilità in ogni situazione  impossibile in cui ci sentiremo in obbligo morale di superarci e di superare  ogni nostro limite con motivazione e con costruttiva perseveranza.


Istruttore di bodybuilding e fitness ed Operatore Specializzato in Flexible Strength (Yoga dinamico)
luca.ambroginull@nulllibero.it


Lascia il tuo commento