Flickr - wellness gym
Negli ultimi anni le statistiche parlano chiaro: un italiano su quattro torna dalle ferie appesantito (mediamente dai 2 ai 5 chili in più) e più del 20% risentirà di disturbi alimentari e si ritroverà a fare i conti con dolori e acciacchi

L’estate è agli sgoccioli e per molti italiani il rientro dalle vacanze è ormai imminente. Parecchi sono già rientrati nei posti di lavoro e cominciano a ri-popolare gli uffici, deserti per buona parte del mese di agosto; altri hanno preferito “tirare” fino all’ultimo per poi sfruttare il mese di settembre, per usufruire di vacanze più a buon prezzo accompagnate da temperature gradevoli e ben sopportabili.  Ma queste ferie, tanto desiderate e sognate durante un intero anno di lavoro, ci rigenerano realmente?In molti casi sembrerebbe di no…

Di fatto, mentre nel periodo precedente alle vacanze ci si prepara alla fatidica prova costume con allenamenti estenuanti e diete da fame, non appena iniziate le vacanze tante persone decidono di premiarsi concedendosi eccessi alimentari, a base di alcoolici e zuccheri semplici - come dolci, gelati alle creme, ecc.- in aggiunta ad un totale e quanto mai imbarazzante ozio. Ma c’è anche chi, al contrario, dopo un anno di completa e ingiustificata sedentarietà si lancia nelle più disparate attività fisico-sportive, con risultati improbabili se non addirittura dannosi.
  Le conseguenze di questi comportamenti sono facilmente intuibili; qui ci limiteremo ad una brevissima sintesi ed a qualche semplice e banale consiglio in proposito…

Negli ultimi anni le statistiche parlano chiaro: un italiano su quattro torna dalle ferie appesantito (mediamente dai 2 ai 5 chili in più) e più del 20% risentirà di disturbi alimentari e si ritroverà a fare i conti con dolori e acciacchi, dovuti soprattutto ad una scorretta ed improvvisata attività fisica.  Non solo: gli effetti dell’aver mandato in vacanza anche le buone abitudini si evidenzieranno sul benessere psicofisico in generale. Molti infatti al rientro lamenteranno stanchezza, difficoltà a concentrarsi, depressione, ansia, insonnia ed una grande fatica a rimettersi in moto sul lavoro.

 

E allora, come ritrovare lo sprint per affrontare una nuova stagione lavorativa?

Le parole d’ordine sono le solite: equilibrio e gradualità. Parole non solo da pronunciare, bensì da mettere in pratica quotidianamente.
Per ritrovare la forma perduta i consigli pratici fondamentali sono: bere molta acqua, riportare frutta e verdura di stagione nel proprio menu giornaliero; ridurre al minimo gli alcoolici, i dolci, le bevande gassate e zuccherate. E’ inoltre importante cercare di regolarizzare gli orari dei pasti e dormire una quantità sufficiente di ore per consentire un buon recupero delle energie.
Ad una alimentazione più equilibrata e sana affianchiamo una moderata, adeguata e costante attività fisica e sportiva -in palestra, in piscina oppure (per quanto possibile) all’aria aperta- da “spalmare” in 2/3 sedute settimanali, magari seguiti da una persona esperta e competente nel settore del fitness e dell’allenamento sportivo.


E quindi…

Non aspettate marzo/aprile del prossimo anno per iniziare l’attività fisica. E’ proprio questo il momento di iniziare un percorso individualizzato! Una regolare attività, oltre agli incontestabili benefici sulla salute e sull’estetica, consentirà di concedervi qualcosa in più a tavola e di arrivare alla prova costume 2009 più preparati e meno stressati del solito.


Specializzati in fitness acquatico, Nutrition Counseling e personal training
infonull@nullsaluteinmovimento.com
   sito web di riferimento


Lascia il tuo commento