Flickr - wellness gym
A partire dal 2000, il compito di aggiornare regolarmente la lista della sostanze dopanti è passato dalla commissione medica del C.I.O. alla nuova agenzia internazionale contro il doping W.A.D.A. (World Anti Doping Agency)

Le sostanze dopanti vietate nello sport

A partire dal 2000, il compito di aggiornare regolarmente la lista della sostanze dopanti è passato dalla commissione medica del C.I.O. alla nuova agenzia internazionale contro il doping W.A.D.A. (World Anti Doping Agency). In Italia dopo l'entrata in vigore della L 376/2000 l'ultimo aggiornamento a tale lista è stato compiuto dal Decreto del 15 ottobre 2002.

I. CLASSI DI SOSTANZE VIETATE

Le sostanze vietate sono suddivise nelle seguenti classi:

  • Stimolanti
  • Narcotici
  • Agenti anabolizzanti
  • Diuretici
  • Ormoni peptidici e glicoproteici e affini

Nessuna delle materie appartenenti alle categorie vietate può essere utilizzata, anche se non è citata a titolo di esempio. Per tale motivo è menzionata l'espressione "e sostanze affini". Tale espressione indica sostanze affini alla classe in oggetto, in virtù dei loro effetti farmacologici e/o della loro struttura chimica.

A. Stimolanti

Le sostanze vietate appartenenti alla classe (A) comprendono i seguenti esempi:
amineptina, amifenazolo, anfetamine, bromantan, caffeina, carfedone, cocaina, efedrina, fencamfamina, mesocarb, pentetrazolo, pipadrolo, salbutamolo, salmeterolo, terbutalina e sostanze affini.

     
  • Per la caffeina, la definizione di risultato positivo è una concentrazione di caffeina nell'urina superiore a 12 microgrammi per millilitro.
  •  
  • Per l'efedrina, la catina e la metilefedrina, la definizione di risultato positivo è una concentrazione nell'urina superiore a 5 microgrammi per millilitro. Per la fenilpropanolammina et la pseudoefedrina, una concentrazione nell'urina di oltre 10 microgrammi per millilitro è considerata come risultato positivo.
  •  
  • Se più di una di queste sostanze è presente in misura inferiore alle rispettive soglie, le concentrazioni dovrebbero essere addizionate. Se il totale supera 10 microgrammi per millilitro, il campione sarà considerato positivo. Sostanza autorizzata per inalazione solo per prevenire e/o curare l'asma e l'asma indotta dall'esercizio fisico. L'uso per asma e/o asma indotta dall'esercizio fisico deve essere notificato per iscritto all'autorità medica competente da un medico di squadra o da uno pneumologo.

B. Narcotici

Le sostanze vietate appartenenti alla Classe (B) comprendono i seguenti esempi: buprenorfina, dextromoramide, diamorfina (eroina), metadone, morfina, pentazocina, petidina e sostanze affini.

C. Agenti anabolizzanti

Le sostanze vietate appartenenti alla Classe (C) comprendono i seguenti esempi:

Steroidi anabolizzanti androgeni: fluossimesterone, metandienone, metenolone, nandrolone, 19-norandrostenediol, 19-norandrostenedione, ossandrolone, stanozololo, androstenedione, deidroepiandrosterone (DHEA), diidrotestosterone, testosterone e sostanze affini.

     
  • Le prove ottenute da profili metabolici e/o misurazioni isotopiche possono essere utilizzate per ottenere conclusioni definitive. a presenza di un rapporto di testosterone (T)-epitestosterone(E) maggiore di sei (6) nell'urina di un concorrente costituisce reato, a meno che non vi sia la prova che tale rapporto è dovuto ad una condizione fisiologica o patologica, ad es. una bassa escrezione di epitestosterone, la produzione androgena di un tumore o una deficienza di enzimi.
  •  
  • Nel caso di un rapporto T/E maggiore di 6, è obbligatorio effettuare un esame medico sotto la direzione dell'autorità medica competente, prima di dichiarare che un campione è positivo. Dovrà essere elaborato un rapporto scritto completo, comprendente una valutazione di precedenti ed ulteriori analisi, ed i risultati di analisi endocrine.
  •  
  • Se non sono disponibili le analisi precedenti, l'atleta sarà sottoposto ad un controllo senza preavviso almeno una volta al mese per tre mesi. Il risultato di questi esami sarà incluso nel rapporto. In mancanza di collaborazione agli esami, risulterà una dichiarazione di campione positivo.

Beta-2 agonisti: se somministrati oralmente o per iniezione bambuterolo, clenbuterolo, fenoterolo, formoterolo, reproterolo, salbutamolo, terbutalina e sostanze affini (consentiti per via inalatoria come descritto all'Articolo I.A).

D. Diuretici

Le sostanze vietate appartenenti alla classe (D) comprendono i seguenti esempi: acetazolamide, bumetanide, clortalidone, acido etacrinico, furosemide, idroclorotiazide, mannitolo per via intravenosa, mersalil, spironolactone, triamterene e sostanze affini.

E. Ormoni peptidici e glicoproteici

Le sostanze vietate appartenenti alla classe (E) comprendono i seguenti esempi ed i loro rispettivi fattori di liberazione e affini:

     
  1. Gonadotropina corionica (h.CG. – gonadotropina corionica umana)
  2. Gonadotropine pituitaire e sintetiche (LH)
  3. Corticotropina (ACTH, tetracosactide)
  4. Ormone della crescita (hGH)
  5. Fattore di crescita di tipo insulina (IGF-1)
  6. Eritropoietina (EPO)
  7. Insulina

Autorizzate solo per curare il diabete dipendente dall'insulina. Richiesta una dichiarazione scritta di diabete dipendente dall'insulina, da un endocrinologo o dal medico di squadra.
La presenza di un'abnorme concentrazione di un ormone endogeno o la sua rilevazione diagnostica nelle urine di un concorrente, costituisce reato salvo qualora sia documentato che ciò è dovuto unicamente ad una condizione fisiologica o patologica.


Articoli concatenati dall'autore


Istruttore di Fitness e Bodybuilding diplomato FIF, associato EFA.
Esperto in tecniche per l'ipertrofia e per il dimagrimento, cardio-fitness, preparazione atletica e supplementazione.
Specializzato con master in Personal Training, Circuit Training, Supplementazione e Integratori, Ormoni e Doping, Riabilitazione della spalla e del ginocchio, Trattamento Low Back Pain.
- Come Personal Trainer collabora con privati e atleti professionisti, come consulente tecnico-gestionale collabora con associazioni sportive e network di centri wellness.
- Come giornalista scrive articoli e guide per le principali riviste di settore ed è autore di vari libri sull'alimentazione per lo sport e diverse guide all'allenamento.
Istruttore di Fitness e Bodybuilding diplomato FIF, associato EFA.
Esperto in tecniche per l'ipertrofia e per il dimagrimento, cardio-fitness, preparazione atletica e supplementazione.
Specializzato con master in Personal Training, Circuit Training, Supplementazione e Integratori, Ormoni e Doping, Riabilitazione della spalla e del ginocchio, Trattamento Low Back Pain.
- Come Personal Trainer collabora con privati e atleti professionisti, come consulente tecnico-gestionale collabora con associazioni sportive e network di centri wellness.
- Come giornalista scrive articoli e guide per le principali riviste di settore ed è autore di vari libri sull'alimentazione per lo sport e diverse guide all'allenamento.

carlo.stratinull@nullcorporis.it


Lascia il tuo commento